I nostri tempi

Camfeed.it I nostri tempi Image

DESCRIZIONE

Leggi il libro di I nostri tempi direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di I nostri tempi in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su camfeed.it.

Un uomo sulla soglia dei settant'anni confessa il proprio stato d'animo di fronte al mondo. Lo fa in soliloqui mentre percorre ossessivamente, quasi in un incubo di ripetizione, le strade della sua città, diventata - com'è ricorrente rappresentazione della città della narrativa di Ferriera - una sorta di non luogo imprevedibile e carico di eventi casuali e inspiegabili, comici o disperati, affettuosi o violenti, indifferentemente. Il suo andare è cadenzato da ripetute cadute, un fastidioso continuo inciampare dei passi incerti che fa irrompere il protagonista, osservatore soggettivo, perentoriamente dentro i fatti cui assiste, trasformandolo da narratore a personaggio narrato. I suoi sono pensieri brevi, interrogano dubbiosamente su fatti e situazioni comuni, oppure narrano insignificanti avvenimenti che improvvisamente virano nell'emblematico: in parte considerazioni di un'ispida e incerta saggezza, in parte espressioni di smarrimento infantile, in parte disperate nostalgie e rimproveri al passare del tempo o scintille di speranza nel futuro; in parte sogni, visioni, forse deliri. E in ognuno di essi si sente riecheggiare in effetti la recita dell'assurdo di un grande uomo di teatro, come in un ultimo nastro.

SCARICARE
LEGGI

IL METEO Meteo e previsioni del tempo in Italia * iLMeteo.it

> DAI GIULIO-CLAUDI A TRAIANO > Fedro > Persio > SENECA > SENECA - Epistola 47 (commento generale; testo, analisi e traduzione paragrafi 1-5) > SENECA - Epistola 47 (testo, analisi testuale e commento paragrafi 1-6, 10-21) > SENECA - Epistola 47 (traduzione completa) > SENECA - De Brevitate vitae I-III - La brevità della vita e il…

NOME DEL FILE I nostri tempi.pdf
DIMENSIONE 10,11 MB
ISBN 9788838923814
AUTORE Michele Perriera
DATA 2009

Insegnamento utile per i nostri tempi difficili ...

Guarire e soffrire, piangere nel tempo dovuto i nostri morti e poi ripartire. Perché noi bergamaschi, l'hanno detto in tanti in questi giorni, siamo gente che a testa bassa lavora e si rialza.

LIBRI CORRELATI