La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia

Camfeed.it La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia Image

DESCRIZIONE

La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia PDF. La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia ePUB. La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia MOBI. Il libro è stato scritto il 2020. Cerca un libro di La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia su camfeed.it.

È la musica che occupa i centri vitali del pensiero e dell'agire filosofico di Nietzsche, l'unica esperienza sensibile nella quale il filosofo ritrova un sapere ancestrale dove, a credere all'emozione musicale, tutto sembra già scritto: "Ora sono musicista solo quel tanto che mi basta per l'uso quotidiano nella mia filosofia" (EP II, 242). Tra le molte musiche che attraversano la sua esistenza l'operetta è quella che cadenza i suoi momenti di piena adesione alla vita, dalle prime scorribande studentesche a Lipsia fino alla beffarda irruzione nella follia. Lontana dai grandi sentimenti ed estranea all'arte realista, l'operetta è l'arte del quotidiano, del provvisorio che deforma e incide con ironia e sarcasmo ed è lì che Nietzsche si cala senza timori, smarrendosi in un fluire musicale che lo allontana dalla gravità e lo salva. Prefazione di Michel Onfray.

SCARICARE
LEGGI ONLINE

Nietzsche e la musica - A due voci | Dialoghi di musica e ...

Nietzsche e la filosofia (titolo originale in francese Nietzsche et la philosophie) è il secondo saggio scritto da Gilles Deleuze.Il libro si rivolge al pensiero del filosofo tedesco Friedrich Nietzsche e si inserisce nel contesto della reinterpretazione del pensiero nietzcheano in atto fra gli anni cinquanta e sessanta.

NOME DEL FILE La gioia sovrana. Nietzsche e la musica come filosofia.pdf
DIMENSIONE 3,44 MB
ISBN 9788857561080
AUTORE Bruno Dal Bon
DATA 2020

Lezioni di filosofia: Nietzsche, concetti chiave - YouTube

È la musica che occupa i centri vitali del pensiero e dell'agire filosofico di Nietzsche, l'unica esperienza sensibile nella quale il filosofo ritrova un sapere ancestrale dove, a credere all'emozione musicale, tutto sembra già scritto: "Ora sono musicista solo quel tanto che mi basta per l'uso quotidiano nella mia filosofia" (EP II, 242).

LIBRI CORRELATI