La pelle che ci separa

Camfeed.it La pelle che ci separa Image

DESCRIZIONE

Siamo lieti di presentare il libro di La pelle che ci separa, scritto da Kym Ragusa. Scaricate il libro di La pelle che ci separa in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su camfeed.it.

Una famiglia afroamericana, una famiglia italoamericana, due comunità destinate a non incontrarsi mai anche se vivono a pochi isolati di distanza. Tra loro una linea di demarcazione invalicabile che viene però attraversata dalla curiosità e dal desiderio. Kym Ragusa è l'incarnazione di questo incontro e degli innumerevoli conflitti che ne derivano. In questo memoir narra la propria storia di persona birazziale, multirazziale, negli Stati Uniti d'America, e analizza che cosa abbia voluto dire essere al contempo bianca e nera, far parte di due comunità in continuo conflitto tra loro ed entrambe emarginate dalla cultura dominante. Per ovviare al fatto che la sua pelle la rende sempre troppo visibile, troppo bianca tra i neri e troppo nera tra i bianchi, la strategia che Kym Ragusa sviluppa sin da bambina è quella di mimetizzarsi, di cercare di scomparire. Fino a che gradualmente, novella Persefone che fa continuamente la spola tra due mondi, comincia a esplorare la propria memoria e a ricercare le proprie origini. E a partire dalla figura delle nonne, così centrali nella sua vita e così fortemente radicate nelle rispettive culture, si riappropria del passato, rivendicando la sua appartenenza a entrambe le comunità.

SCARICARE
LEGGI

libro: La Pelle Che Ci Separa | FioriGialli.it

La pelle che ci separa (Kym Ragusa, 2008), è un romanzo che narra di una linea di demarcazione invisibile ma invalicabile. Quella tra due comunità, nera e italiana, e una donna che le incarna entrambe: la sua pelle è pluralità ma insieme conflitto e mancanza. Non è ascrivibile ad una 'categoria', non si può inquadrare.

NOME DEL FILE La pelle che ci separa.pdf
DIMENSIONE 4,79 MB
ISBN 9788888389905
AUTORE Kym Ragusa
DATA 2008

La pelle che ci separa - Nutrimenti casa editrice

la pelle di Gilda […], quella di Miriam […], la mia […]. Tre gradazioni di avorio, giallo e olivastro si rifrangono dall'una all'altra come in un caleidoscopio. La pelle che ci separa, che ci protegge contro il dolore che ci infliggiamo a vicenda. La pelle che ci separa: membrana, velo, specchio. Una pelle condivisa.

LIBRI CORRELATI