La ragione e l'occulto. La filosofia di fronte a scienza e magia

Camfeed.it La ragione e l'occulto. La filosofia di fronte a scienza e magia Image

DESCRIZIONE

Siamo lieti di presentare il libro di La ragione e l'occulto. La filosofia di fronte a scienza e magia, scritto da none. Scaricate il libro di La ragione e l'occulto. La filosofia di fronte a scienza e magia in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su camfeed.it.

Nella nostra epoca ipertecnologica, ogni sapere deve rispondere a precisi e rigorosi criteri, se non vuole essere relegato nell'ambito della non-conoscenza, dell'ideologia, della superstizione. Ma non è sempre stato così. Oggi solitamente contrapposte, scienza e magia hanno in realtà una lunga storia in comune e un'origine condivisa: entrambe affondano le loro radici nella notte dei tempi, nel desiderio dell'uomo di raggiungere una conoscenza approfondita delle leggi della natura, per poterle poi sfruttare a proprio vantaggio. Attraverso numerose citazioni e un'antologia selezionata sulle scienze occulte dall'Antichità al Rinascimento, da Erodoto a Omero, da Apuleio a Paracelso, da Sant'Agostino a Marsilio Ficino, Federico Pastore interroga testi antichi e antichissimi per ricostruire la storia della magia e della sua repressione, i rapporti con l'elaborazione del metodo sperimentale, i legami con la scienza e le teorie sul mondo, per mostrare l'intima vicinanza di due approcci alla realtà che solo di recente hanno separato il loro cammino.

SCARICARE
LEGGI

Filosofia - Wikipedia

Cerca e compra tra una vasta selezione di libri di Filosofia su AbeBooks.it. abebooks.it Passione per i libri. Login Mio Account ... La scienza e la filosofia dei moderni. Rossi, Paolo. 1989. ... La ragione e l'occulto. La filosofia di fronte a scienza e magia. Pastore, Federico. 2009. Lakatos. Motterlini, Matteo. 2000.

NOME DEL FILE La ragione e l'occulto. La filosofia di fronte a scienza e magia.pdf
DIMENSIONE 4,34 MB
ISBN 9788817028660
AUTORE none
DATA 2009

Filosofia e Scienza: quale rapporto? - Nicola Castaldo

L'amore, disinteressato per la conoscenza, da cui nascono la filosofia e quindi la scienza, prende le mosse dalla meraviglia. Aristotele usa il termine meraviglia per indicare la molla che da il via all'indagine di fronte ad un fenomeno che colpisce, un vero e proprio problema da risolvere:

LIBRI CORRELATI